UN MÉNAGE À TROIS TRA CIBO E PASSIONE ET EVENTI E TEATRO.Teatro Comunale di Cagli – Sabato 20 gennaio 2018 ore 21.00

Da sempre ci si interroga sul rapporto tra cibo e sentimento; in cucina, si sa, sono nati tanti amori.  E’ l’uomo che si trova a dover scegliere tra la brava cuoca e la donna tutta passione, alla fine quale decisione prenderà?

È questo il tema che fa da sfondo a La cena è servita, il nuovissimo lavoro della Compagnia ET Eventi e Teatro di Fermignano, nelle Marche. Lo spettacolo è il racconto di un triangolo amoroso legato al cibo e alla cucina. La storia è quella Elizabeth e George, sposati da undici anni e alle soglie della crisi di mezza età. Così George si ritrova tra le braccia di Dora, una donna piena di passione e sensualità, e ben presto lascia la moglie per andare a vivere con l’amante. Ma c’è un problema: Dora non sa cucinare e George rimpiange i favolosi piatti della ex moglie, cuoca sopraffine. Così, ogni tanto, lui torna di nascosto a casa di Elizabeth per momenti di assoluto piacere gastronomico. Ma una sera Elizabeth invita Dora a cena, assieme a George che non sa quali incredibili sorprese abbia in serbo per lui la ex moglie.

Ecco dunque la storia di un uomo in bilico tra i piaceri della cucina e del sesso. Le registe, Elena Cancellieri e Tania Biondi, con la partecipazione di Susanna Dalcielo, dicono che lo spettacolo è nato per narrare in modo surreale, una situazione di triangolo amoroso – lui, lei, l’altra – che molte persone si trovano a fronteggiare, spesso senza poterlo dire a voce alta. In tutto lo spettacolo, a partire dalla scenografia, c’è una particolare attenzione alle due passioni di George, il protagonista maschile: il buon cibo e il buon sesso. Quindi Elizabeth è un’ottima cuoca e cattura George con i suoi piatti,  Dora è la bomba sexy, trasgressiva e passionale.

In tutto lo spettacolo la buona o cattiva cucina ha un ruolo fondamentale. Si parla continuamente di cibo, anche di fronte a situazioni gravi, fino a raggiungere toni paradossali, per l’importanza che assume il mangiare nelle vite dei personaggi. Un’ansia di nutrirsi, una fame dei sensi, che risulta anche da questi brevi estratti dai dialoghi della commedia. Elizabeth «Non ero abbastanza buona per lui? Non ero abbastanza sexy per lui? Non ero abbastanza giovane per lui? Come cavolo ha pensato di potermi abbandonare – dopo tutto quello che ho cucinato per lui!». Dora «Già me lo immagino – annusare la minestra, ingoiare la mousse di salmone e sarà già in visibilio – al settimo cielo – non lo permetterò – non lo tollero – non gli lascerò toccare il suo cibo!!». George «Ho bisogno di sentirmi libero di mangiare pasti importanti, cibi sani – non perché io sia avido, ma sono affamato – molto affamato!».

Lo spettacolo indaga queste dinamiche relazionali con un ritmo vivace e tanto divertimento, fino ad arrivare ad un finale del tutto inaspettato e sorprendente. Perché la cena è servita è una commedia, ma con inattesi risvolti tragici.

Il debutto nazionale è al Teatro Comunale di Cagli, sabato 20 gennaio 2018 alle ore 21.00.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *