Si alza il sipario sulla trentesima edizione di Todi Festival Tutti gli appuntamenti dell’attesa kermesse, a Todi dal 27 Agosto al 4 Settembre 2016

 

Si alza il sipario sulla trentesima attesa edizione di Todi Festival, kermesse di teatro, danza, musica, arti visive e letteratura, ideata e fondata nel 1987 da Silvano Spada e affermatasi nel tempo come uno dei più importanti appuntamenti culturali italiani.

La direzione artistica del trentennale, in programma dal 27 Agosto al 4 Settembre 2016, è affidata al creativo Eugenio Guarducci, indicato proprio da Silvano Spada come suo ideale successore. Il tutto sotto l’attenta organizzazione e gestione dell’Agenzia Sedicieventi e la direzione generale di Diana Del Vecchio.

Il grande interesse che ho percepito in questi mesi intorno al Todi Festival e alle sue evoluzioni – sottolinea Carlo Rossini, Sindaco di Todimi fa dire che Todi ha saputo guadagnare uno spazio di riferimento nel panorama culturale regionale e nazionale. La direzione artistica di Eugenio Guarducci apre una nuova stagione del Festival con preziosi elementi di contaminazione sia tra generi che tra luoghi. Tanti soggetti coinvolti, la città che si muove intorno al Festival. Questo non può farci che bene ”.

Sono perfettamente a mio agio – afferma Eugenio Guarducci, Direttore Artistico Todi Festival 2016alla regia di un Festival che fin dagli inizi si è caratterizzato per il suo essere fuori dagli schemi. Una realtà vivace e dinamica che guarda avanti, partendo dalle tre parole chiave che hanno caratterizzato questi 30 anni di storia: ricerca, sperimentazione e innovazione.  Pur mantenendo la tradizione dei debutti, con ben dodici prime, quello che abbiamo aggiunto è un’importante spinta alla contaminazione, sia attingendo ai talenti locali sia legandoci a importanti partner ed esperienze, nazionali e internazionali.

Per il Todi Festival – commenta Catiuscia Marini, Presidente della Regione Umbriainizia una nuova fase affidata a un imprenditore che si è affermato con molti eventi per la sua capacità e creatività: una formula interessante, da approfondire anche per altri Festival che hanno bisogno di imprenditorialità. Il Todi Festival si presenta inoltre con un palinsesto particolarmente ricco che non propone repliche, ma un’offerta che si rinnova quotidianamente. Straordinaria la valorizzazione del patrimonio pubblico tuderte e le attività dedicate ai giovanissimi”.

Ad accompagnare la promozione e lo svolgimento del Festival, la tenace lucertola del Maestro Piero Pizzi Cannella autore, insieme a Rossella Fumasoni, del manifesto ufficiale della kermesse. Prosegue così la tradizione di affidare a celebri artisti contemporanei l’immagine dell’evento.

Da più di trent’anni – sottolinea Piero Pizzi Cannellaquesta lucertola è il primo testimone dei miei quadri. Visto il suo rispetto, la sua sensibilità e fedeltà verso ogni forma d’arte, ho voluto condividerla con Rossella Fumasoni e tutto il Todi Festival”.

30 – aggiunge Rossella Fumasoniè un disegno su carta a quattro mani dedicato al Todi Festival nella sua trentesima edizione. Il rosso e il nero dei numeri della roulette, il mago e la sua complice sembrano suggerire che l’arte, il teatro, la musica e la danza sono un perenne gioco d’azzardo e di prestigio di cui tutti noi abbiamo bisogno”.

In omaggio ai due Maestri, il Comune di Todi sta programmando le rispettive personali. Quali sedi d’eccezione, si prospettano le sale dei Palazzi Comunali.

Le location

Le due principali location della kermesse saranno lo splendido Teatro Comunale e il rinnovato Teatro Nido dell’Aquila che aprirà le porte proprio in occasione del Festival, dopo un recente restauro, insieme al Chiostro del Liceo Jacopone da Todi, la Sala del Consiglio, la Sala Giunta, la Saletta Affrescata di Via del Monte, l’Istituto Agrario Ciuffelli, l’Arena Francisci e Piazza del Popolo.

A completare la valorizzazione dei suggestivi luoghi di cui è ricco il territorio, quest’anno Todi Festival abbraccia anche le frazioni, unendo il fascino di location meno note con la magia del teatro e del cinema: il Castello di Petroro, la Piazza di Izzalini e l’ex Granaio di Montenero. Il Cartellone del trentennale è stato pensato anche per questi spazi, in cui prenderanno vita testi classici, accanto a testi moderni appositamente realizzati per il Festival, e prime rappresentazioni assolute di grandi autori italiani e internazionali.

Poiché non esiste contaminazione senza condivisione, Todi Festival 2016 si prospetta una kermesse particolarmente sharing. Originale novità di questa edizione, sarà infatti l’arrivo in città di TeatroXCasa: il curioso format grazie al quale salotti privati, e non solo, si trasformano in originali palcoscenici per eventi. Si apre quindi una call rivolta ai cittadini tuderti che potranno proporsi per ospitare uno spettacolo nei rispettivi salotti, giardini, terrazze, garage o taverne di casa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *