La reggia di Versailles ospita dal 16 aprile al 14 luglio la mostra sui Tesori del Santo Sepolcro

L’evento è particolare: per la prima volta vengono esposti insieme 250 capolavori «sconosciuti» confluiti a Gerusalemme nel corso degli ultimi secoli. Per tre mesi sono offerti al pubblico dai Frati minori della Custodia di Terra Santa, che ancor oggi utilizzano molte di queste suppellettili preziose nelle celebrazioni più solenni nella basilica che racchiude il Calvario e la tomba vuota del Signore Risorto. Si tratta di preziosi calici, croci, lampade, candelabri, pissidi e paramenti liturgici regalati dai sovrani europei in segno di devozione verso il Salvatore, ma anche per riaffermare la potenza della propria casata e del proprio Stato. Le opere saranno disposte in ordine di provenienza – in particolare dal Sacro Romano Impero, dai regni di Spagna, Francia e Portogallo, dalla Repubblica di Genova – ad evidenziare come le corti europee gareggiassero in generosità. Aperta tutti i giorni, salvo il lunedì, dalle 9 alle 18.30, la mostra è organizzata in collaborazione con il Consiglio generale del dipartimento degli Hauts-de-Seine e prevede anche una seconda sede espositiva: la Maison de Chateaubriand, a Châtenay-Malabry. Qui il pubblico potrà ammirare nove quadri, anch’essi appartenenti alla Custodia. Il lungo lavoro di preparazione per la mostra parigina è iniziato tre anni fa e alla fine ne trarrà beneficio anche il nascente Terra Sancta Museum, che la Custodia intende inaugurare a Gerusalemme nel 2015.