Inaugurata presso il Palazzo del Vignola di Todi la mostra: ‘Giade, agate e vetri scolpiti di Hongshan (3500-2000 a.c.)

 

David Anderson, studioso, che si è a lungo occupato come ricercatore appassionato delle sculture in giada di Hongshan, materia della quale è uno dei massimi esperti a livello mondiale, anche una collezione di circa 2000 pezzi. Nella mostra che si inaugura a Todi, e che vede la collaborazione dell’Associazioni Marte Onlus e dell’Associazione “Equilibrio dei Sensi”, viene proposta  la cultura  neolitica della giada  scolpita, situata  nella Mongolia orientale,  a nord-est di Pechino e risalente al  periodo  compreso tra il 3500 e il2000 a.C.  Questa tecnica  comprendeva anche lo scolpire altre pietre, come l’agata, e  uno straordinario vetro naturale chiamato “shui  jing”.  L’orientamento aperto  e surreale dell’arte “Hongshan” attrae particolarmente  i collezionisti occidentali.  Molti dei più belli e interessanti pezzi sono dei piccoli pendenti rappresentanti figure umane, animali, uccelli, insetti e oggetti  vari usati come amuleti. Lo scopo della mostra è ambizioso : infatti presso il luogo espositivo per eccellenza, il Palazzo del Vignola di Todi, si intende mettere a confronto l’arte di “Hongshan” e l’iconografia con gli studi scientifici  del prof. Anderson in  laboratori inglesi, italiani, austriaci e di Hong Kong. Negli ultimi otto anni il  prof. Anderson  ha indirizzato i suoi sforzi verso  “shui  jing” (vetri naturali estratti dalle miniere). Ha evidenziato, grazie ai suoi approfondimenti, che questo vetro proviene dall’impatto di un’enorme  meteorite.  Più tardi  la popolazione di “Hongshan” e i suoi discendenti furono capaci di scolpirlo usando  una sabbia  di diamanti probabilmente formati dallo stesso impatto della meteorite.   Il vetro stesso, con le sue inclusioni, è tutt’ora scavato e usato  come esempio nella fabbricazione della porcellana.

La mostra, che ha il patrocinio della Regione Umbria,del Comune di Todi e del Rotary Club Todi, resterà aperta tutti i giorni dalle 11,00 alle 19,00 sino a martedì 8 settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *