Festival di Serravalle – 16esima edizione

 

Ci siamo. Sta per iniziare la 16esima edizione del Festival di Serravalle, intitolato in questo 2018 ‘Arie di guerra’ per ricordare il centenario della fine della Prima guerra mondiale. Ci saranno incontri con gli autori, cinema, musica e teatro. Tutto al Castrum di Vittorio Veneto, nella Marca trevigiana. La direzione artistica è affidata a Luisa Baldi. Il calcio d’inizio è previsto per sabato 16 giugno alle 18 con Massimo Bubola che presenterà il libro sulla Grande Guerra ‘Ballata senza nome’, e poi dialogherà con Vera Slepoj, cantando alcune delle sue magnifiche canzoni. Massimo Bubola è figura centrale nella musica d’autore italiana. Dovesse piovere, l’esibizione verrà spostata al Teatro Dante. L’ingresso è libero.

Secondo appuntamento giovedì 21 giugno alle 21,15 con l’attore Antonio Salines, a cui farà seguito un concerto, cinema e musica (Francesca Gallo con la sua fisarmonica). In chiusura, lo spettacolo sulla vita di Alessandro Tandura, ‘Due centimetri più alto de re’. Salines è autore di spicco del teatro italiano e testimonial del Festival dalla prima edizione del 2002. In caso di pioggia, tutti al Teatro Da Ponte di Serravalle. Biglietto da 10 euro.

Sabato 23 giugno, alle 21, Yuri Bashmet per il ciclo ‘Grandi interpreti musicali al Castrum’. Concerto insieme ai Solisti di Mosca. Per info e biglietti, www.proseccofestival.com. Venerdì 29 giugno, alle 21, ‘Guerra e pace sul grande schermo – Note dal fronte’. Verranno proposti spezzoni di documentari, per lo più provenienti dalla Cineteca del Friuli Venezia Giulia, letture ed esecuzione di brani musicali dal vivo. Anche in questo caso, in caso di maltempo, l’evento sarà ospitato dal Teatro Da Ponte di Serravalle. Ingresso libero.

Mercoledì 4 luglio, Francesca Gallo proporrà musica dalle 21 al Castrum. ‘E continuano a chiamarle grande’. Il canto durante la Prima Guerra Mondiale. Francesca Gallo, fisarmonica e voce trevigiana di 41 anni, l’unica donna in Italia a fabbricare fisarmoniche vendute in tutto il mondo, la protagonista assoluta. Oltre alla fisarmonica, suona il pianoforte. Si è diplomata in canto lirico al Conservatorio di Conegliano e si è esibita come soprano verdiano anche negli Stati Uniti. Se dovesse piovere, ci si sposta al Teatro Dante. Ingresso unico 7 euro. Il giorno dopo, giovedì 5 luglio alle 19, Giuseppe Savio per ‘Incontro di teatro al Castrum’, con ‘Due centimetri più alto de re’. Alessandro Tandura è stato il primo soldato al mondo a essere paracadutato in zona di guerra il 9 agosto del 1918. Qui l’autore percorre la storia d’amore di Alessandro e Maddalena, documentata da un ricco epistolario e dalla testimonianza della protagonista, morta nel 1983. Se ci sarà maltempo, a disposizione la Sala Verde del Castrum. Biglietto 7 euro.