Haji Jabir presenta a Forlì in prima nazionale “Fuga dalla piccola Roma”

 

 

Il quarto appuntamento del 2018 della XXIV edizione della rassegna “Incontri con l’Autore”, promossa dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì presso l’Auditorium Cariromagna, sarà con uno degli intellettuali più importanti della diaspora eritrea nel mondo arabo ovvero Haji Jabir.

Scrittore e giornalista, è stato per anni corrispondente per la TV tedesca Deutsche Welle in Arabia Saudita per poi trasferirsi a Doha, in Qatar, dove lavora come giornalista per Al Jazira TV.

Fin dal primo suo primo romanzo, vincitore nel 2012 dello Sharjah Prize per la creatività, si è proposto di indagare la sofferenza della diaspora, il dramma di chi non è riuscito né a tornare in patria né a trovare stabilità emotiva nei paesi di arrivo.

Jabir non tratta nei suoi romanzi il tema tradizionale del colonialismo, né fa cenno a oscuri complotti o colpe dell’Occidente, nonostante tratti a fondo la questione della migrazione e del traffico di esseri umani, ma affronta la vicenda eritrea dall’interno. L’intenzione di Jabir è infatti quella di mostrare realisticamente la vita vissuta dagli eritrei sia dentro che fuori il loro paese, e per farlo utilizza in “Fuga dalla piccola Roma”, pubblicato per la prima volta in Italia a cura di Gassid Mohammed, professore di lingua araba presso la sede forlivese dell’Università di Bologna, lo stratagemma della ricerca della donna amata per far attraversare al protagonista l’infermo della dittatura interna al paese e dei campi profughi esterni al confine eritreo. L’attualità del tema trova poi ulteriori motivi di interesse – oltre che nella qualità letteraria della scrittura – nei rimandi storici (l’Eritrea è stata colonia italiana fino al 1941) ed in quelli letterari (in particolar modo a Fenoglio e Levi).

L’incontro, ad ingresso libero e con omaggio a tutti gli intervenuti di copia del volume presentato, è fissato per venerdì 9 novembre alle 17 presso l’Auditorium forlivese di via Flavio Biondo 16.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *